OLIO DELLA GIOVINEZZA

OLIO DELLA GIOVINEZZAOLIO DELLA GIOVINEZZA.

OLIO DELLA GIOVINEZZA:

L’olio della giovinezza o di curcuma può  sostituire l’olio di oliva in tutti i suoi usi; apporta benefici al metabolismo del fegato e di tutti i grassi.

Ingredienti per 50 cl. di olio della giovinezza:

50 cl. di olio extravergine di oliva;
3 cucchiaini di curcuma in polvere.

Preparazione per 50 cl. di olio della giovinezza:

Mettere l’olio e la curcuma in un barattolo con chiusura ermetica e mescolare bene fino alla completa amalgamazione dei due ingredienti. Lasciare macerare il tutto ricordandosi di agitare bene il contenitore una volta al giorno.

Trascorsi sette giorni non agitate il barattolo e travasate il tutto in una bottiglia di vetro evitando di far scendere la curcuma che nel frattempo si sarà depositata sul fondo.

Grazie al notevole potere ossidante è chiamato anche “olio della giovinezza“.

In India è conosciuta ed utilizzata da almeno 5.000 anni, come medicina, spezia e anche colorante.

La Curcuma è nota col nome di Zafferano delle Indie. I suoi rizomi, che sono la parte della pianta che contiene i principi attivi, o droga, vengono fatti bollire per parecchie ore e fatti seccare in grandi forni, dopodiché vengono schiacciati  fino ad ottenere una polvere  giallo-arancione che viene comunemente utilizzata come spezia nella cucina del Sud Asia.

Appartiene alla famiglia delle Zingiberacee. Si tratta di piante erbacee, perenni, dotate di rizoma e coltivate prevalentemente nelle regioni tropicali. La pianta della curcuma è caratterizzata da foglie lunghe a forma ovale, mentre i fiori sono raccolti in spighe.

 

La spezia che si ricava dalla curcuma, come abbiamo detto di un bel colore giallo dorato, contiene centinaia di componenti; tuttavia l’attenzione degli studiosi si è concentrata su uno in particolare: la curcumina.

Altri componenti della curcuma sono rappresentati da potassio, da vitamina C, e per il 26% da amido. Molto importante anche la presenza di oli eterici che sono in grado di stimolare l’appetito e quelli amari che sono in grado di stimolare la formazione di enzimi digestivi.

In base a recenti studi è risultato che la curcumina potrebbe essere utile a contrastare l’insorgere di almeno otto tumori: colon, bocca, polmoni, fegato, pelle, reni, mammelle e leucemia. La curcuma viene impiegata nella medicina tradizionale indiana e in quella cinese come disintossicante dell’organismo, in particolare del fegato e come antinfiammatorio. Queste proprietà salutari che vengono attribuite alla curcuma dalla tradizione popolare sono le stesse che oggi vengono confermate dalla medicina ufficiale, anche alla luce dei numerosissimi studi e scoperte che la scienza attuale ha ufficialmente confermato.

La cosa che ha “catturato” l’attenzione degli studiosi è il fatto che nei paesi asiatici e in particolare in India, dove il consumo di curcuma è altissimo, l’incidenza dei tumori è molto bassa. Molto interessanti le proprietà antiossidanti della curcumina che sono in grado di trasformare i radicali liberi in sostanze inoffensive per il nostro organismo oltre naturalmente a rallentare l’invecchiamento del nostro patrimonio cellulare. Molto valida anche l’azione cicatrizzante della curcumina; in India infatti viene applicato il rizoma di curcuma per curare ferite, scottature, punture d’insetti e malattie della pelle con risultati veramente soddisfacenti. Infine, secondo uno studio pubblicato sulla rivista ” Cancer Research”, la curcuma avrebbe un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel trattamento del tumore alla prostata. Si è inoltre constatato che l’effetto della curcumina è ancora più evidente quando associato ad un isotiocianato presente in verdure come il cavolo, i broccoli o il cavolo rapa.

Sono consigliati un paio di cucchiaino al giorno, per garantirsi i benefici, si può aggiungere a fine cottura di molti alimenti o a vari tipi di yogurt per farne una salsa da mettere sulle verdure.

Assunta insieme al pepe nero ne vengono potenziate le proprietà e abbinata a qualche grasso, tipo olio d’oliva, burro, o quant’altro, ne facilita l’assorbimento.

 

 

OLIO DELLA GIOVINEZZA – Alimentazione Consapevole – o olio di curcuma può sostituire l’olio di oliva; fa bene al metabolismo del fegato e di tutti i grassi.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Alimenti preparati e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a OLIO DELLA GIOVINEZZA

  1. Ciao a tutti Voi, ho preparato l’olio della giovinezza, solo che ho usato 3 cucchiai da cucina di corcuma e li ho messi in un barattolo di vetro bianco che usavo per la marmellatta, ho esagerato? Fatemi sapere!! Grazie

  2. Natalia scrive:

    La dose è di 3 cucchiaini in 50 ml quindi se il vaso è da 250 ml. va bene, conservalo al buio e tieni presente che ne basta pochissimo.

    • mauro scrive:

      E’ possibile aggiungervi un pò di pepe nero insieme ai 3 cucchiaini di
      curcuma x aumentarne l’efficacia?! Grazie x i preziosi consigli….
      P.S mi potresti dare una ricetta semplice x fare il pane integrale-biologico al
      forno?

      • Natalia scrive:

        Ciao Mauro, metti pure il pepe, io ne uso tantissimo e per il pane la ricetta che trovi sulla pagina per il pane arabo, va benissimo, l’impasto poi lo cuoci in forno.
        Un caro saluto.
        Natalia

  3. vito scrive:

    scusate ma nn ho capito! Ma dopo la preparazione dei 50 gr. di olio e 3 cucchiaini…si dovrebbe bere o spalmare sulla pelle?

  4. annett scrive:

    scusare se tutti lo possono usare questo fantastico olio.
    sono affetta da carcinoma, potrei assumerlo anche io per prevenire ulteriori tumori?
    vi ringrazio….cos ami consigliate inoltre per consolidare questa azione preventiva?
    alimneti semplici da recuperare grazie.

  5. Natalia scrive:

    Sì è possibile aggiungere pepe nero, ottimo olio per condire ma non l’ho mai usato sulla pelle e….. Anet, puoi usarlo benissimo inoltre mangia tanta frutta e verdura cruda, tante rape rosse crude ed elimina carne e latticini.
    Tantissimi auguri di cuore.
    Natalia

  6. Bontempo Maria Cesira scrive:

    La curcuma va cotta, o si puo’mettere anche nei centrifugati con un po’di pepe?
    E per il fabbisogno giornaliero quanti cucchuai ak giorno di oleolito alla curcuma?
    Grazie

Rispondi a DANILO PICCIOCCHI Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *