CASTAGNA

CASTAGNACASTAGNA.

CASTAGNA.

La castagna è un frutto che può essere utilizzato molto frequentemente nella dieta vegetariana e vegana.

La castagna è in grado di soddisfare la crescente voglia di cibi naturali e genuini dato che deriva da una coltura che non richiede uso di fitofarmaci e risponde pienamente ai canoni dell’agricoltura biologica.

La castagna, per metà è costituita da acqua e contiene una serie di sali minerali e vitamine utili per il nostro organismo come il ferro, potassio – utile per i muscoli – calcio, fosforo – utile per la formazione del tessuto nervoso – sodio – coadiuvante della digestione. Rappresenta un alimento molto nutritivo grazie alla presenza di carboidrati, circa il 45%. La presenza di amido, che durante la cottura si trasforma in zuccheri, fornisce alle castagne quel suo sapore dolce caratteristico. La castagna è molto utile in casi di anemia, inappetenza, per aiutare l’intestino, grazie alla numerosa presenza di fibre. Contiene anche molte vitamine:
vitamina A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5, B6, B9 (acido folico), b12, C e D. Tra gli aminoacidi presenti nelle castagne citiamo l’acido aspartico, l’ acido glutammico, arginina, alanina, glicina, leucina, prolina, serina e treonina.
In virtù della presenza dell’acido folico la castagna è anche consigliata in casi di gravidanza in quanto quest’ultimo è in grado di prevenire l’insorgere di alcune malformazioni a livello fetale. Essendo ricche di minerali le castagne sono particolarmente indicate per chi soffre di stanchezza cronica, per chi deve riprendere le forze dopo l’influenza e per bambini ed anziani; il potassio è utile per rinforzare i muscoli, il fosforo collabora alla costituzione del tessuto nervoso, lo zolfo è antisettico e disinfettante, il sodio è utile alla digestione, il magnesio agisce sulla rigenerazione dei nervi.
La presenza di zuccheri indica la castagna come alimento alternativo per i bambini allergici al latte di vacca o al lattosio.
La farina sopperisce, nella preparazione di dolci e minestre, al fabbisogno di carboidrati anche nei soggetti che presentano intolleranza ai cereali.
La fibra è ritenuta molto importante per l’azione favorevole sulla motilità intestinale, sulla microflora .Viene raccomandata nelle diete in quanto previene disturbi gastrointestinali, accelerando il transito di sostanze nell’intestino.

Questa voce è stata pubblicata in Frutta e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *