GERMOGLI DI CRESCIONE

GERMOGLI DI CRESCIONEGERMOGLI DI CRESCIONE.

GERMOGLI DI CRESCIONE.
DETTO ANCHE IL CRESCIONE D’ ACQUA.
I germogli di crescione meritano un’ attenzione particolare: già in passato erano noti gli effetti positivi sulla salute dell’uomo, tanto che il crescione d’acqua veniva chiamato l’“insalata che guarisce”.

I Persiani erano soliti proporre il crescione ai bambini, poiché ritenevano che le ricchezze nutritive di questa pianta fossero ideali per il loro sviluppo.

I Romani invece consideravano il crescione un alimento afrodisiaco, in grado di trasmettere al corpo benessere. La stessa reputazione la conservò fino al 1800.

I germogli di crescione contengono in notevole quantità Calcio, Potassio, Iodio, Ferro e Fosforo. Hanno proprietà depurative e di controllo degli zuccheri.

Ora una ricerca britannica dell’Università di Southhampton fa luce sulle proprietà reali del vegetale, evidenziando la capacità della pianta di proteggere dal cancro grazie agli isotiocianati, sostanze naturali fitonutrienti che ostacolano la crescita delle cellule tumorali.

La ricerca, condotta da Graham Packham e pubblicata sul British Journal of Nutrition, è tuttavia ancora limitata a un numero troppo esiguo di soggetti, tutte donne colpite da cancro al seno. Secondo la sperimentazione, dopo aver assunto foglie di crescione, mostravano una riduzione significativa della proteina 4E, coinvolta nello sviluppo della neoplasia.

Gli scienziati inglesi si concentreranno ora su una sperimentazione più vasta.

 

 

GERMOGLI DI CRESCIONE – Alimentazione Consapevole –
Hanno proprietà depurative e di controllo degli zuccheri e proteggono dal cancro.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Verdura Selvatica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a GERMOGLI DI CRESCIONE

  1. Elisa Murdaca scrive:

    Interessante l’articolo con le propietà nutritive che io già conosco, perchè le consumo da molti anni e apprezzo anche le qualità del saporino un po piccante che danno all’insalata, peccato che sia difficile reperire i semi biologici.

  2. Elisa Murdaca scrive:

    Interessante l’articolo con le propietà nutritive che io già conosco, perchè le consumo da molti anni e apprezzo anche le qualità del saporino un po piccante che danno all’insalata, peccato che sia difficile reperire i semi biologici.

Rispondi a Elisa Murdaca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *